La simmetria dei desideri

E ti ripeterò cose che già sai.
Che tu per me sei importante.
Soffermati un attimo sulla parola importante, dal latino, portare dentro.
Ed è proprio così.
Ti porto dentro di me, ovunque io vada, tu, ci sei. Sempre.
Che tu sei la persona più bella sulla quale posso contare.
Grazie di essere te, e con me.

A tutti gli illusi, a quelli che parlano al vento.
Ai pazzi per amore, ai visionari,
a coloro che darebbero la vita per realizzare un sogno.
Ai reietti, ai respinti, agli esclusi. Ai folli veri o presunti.
Agli uomini di cuore,
a coloro che si ostinano a credere nel sentimento puro.
A tutti quelli che ancora si commuovono.
Un omaggio ai grandi slanci, alle idee e ai sogni.
A chi non si arrende mai, a chi viene deriso e giudicato.
Ai poeti del quotidiano.
Ai “vincibili” dunque, e anche
agli sconfitti che sono pronti a risorgere e a combattere di nuovo.
Agli eroi dimenticati e ai vagabondi.
A chi dopo aver combattuto e perso per i propri ideali,
ancora si sente invincibile.
A chi non ha paura di dire quello che pensa.
A chi ha fatto il giro del mondo e a chi un giorno lo farà.
A chi non vuol distinguere tra realtà e finzione.
A tutti i cavalieri erranti.
In qualche modo, forse è giusto e ci sta bene…
a tutti i teatranti.

Miguel de Cervantes, Don Chisciotte  (via anatomiadellamalinconia)

(Fonte: maxgc91, via anatomiadellamalinconia)

Non c’è parola più certa di un’altra.
S’impara a tacere con gli anni,
anche se sembra che parliamo.
Si nasce senza parole
e con tutte le parole distrutte ce ne andiamo.
E tuttavia,
nonostante vivere significhi ammutolire,
esiste un piacere primordiale nel silenzio,
che giustifica tutti i silenzi.

—Javier Vicedo Alós (via egocentricacomeigatti)

(Fonte: le9porte, via egocentricacomeigatti)

‎Sinceramente, ti capita mai di pensare di buttarti giù da una finestra?"
“Oh si.”
“Spesso?”
“Di frequente direi..”
“E cosa te lo impedisce?”
“Il fatto che non vorrei davvero morire, vorrei vivere..vivere meglio. Vorrei che la vita fosse più bella, diversa da come è adesso. E allora capisco che l’unica cosa da fare è restare vivi ancora per un po’ e aspettare.

—Inganno, P.Roth (via quellocheravamo)

La forza bruta schiaccia molte piante. Eppure le piante si risollevano. Le Piramidi non durano un momento in paragone alle margherite. E, prima che Buddha o Gesù parlassero, l’usignolo già cantava, e molto dopo che le parole di Gesù e Buddha saranno svanite nell’oblio, l’usignolo canterà ancora, poiché il suo canto non è né predica, né comando, né esortazione. E’ solo canto, e in principio non era il Verbo, ma il cinguettio.

David Herbert Lawrence, Luoghi etruschi (via lalunacrepata)

Il mondo si può dividere fra coloro che apprendono e coloro che non apprendono. Le persone che imparano sono aperte a ciò che accade intorno a loro, ascoltano gli insegnamenti e fanno attenzione alle lezioni della vita. Quando commettono qualche stupidaggine, non la ripetono. Quando ottengono un risultato positivo, tentano di migliorarsi ulteriormente, impegnandosi ancora di più. Il punto non è chiedersi se si è persone capaci o incapaci, ma se si è disposti a imparare o non lo si è.

—Benjamin Barber (via temporaryfly)

(via egocentricacomeigatti)